Giovanni Paolo II, santuari e luoghi di culto

Zdjęcie przedstawiające budynki sanktuarium na tle niebieskiego nieba
La Malopolska da più di mille anni è associata con il cristianesimo. La Cristianizzazione della regione iniziò nel 966, quando ci fu il battesimo simbolico della Polonia.

La storia della Malopolska è legata in modo indissolubile alla storia dell'Arcidiocesi di Cracovia, che è stata stabilita come diocesi al Congresso di Gniezno nel 1000. Poco dopo, nella regione sono state costruite chiese, monasteri e altri centri religiosi. Sono stati realizzati anche dei luoghi frequentati da pellegrini. I primi sono stati l'eremo di S. St. Eremiti di Świerad e Benedetto a Tropie, e quindi legata al culto di S. Stanislao Vescovo e Martire di Cracovia. Oggi nella Piccola Polonia, ci sono decine di santuari di rango diverso, alcuni di fama mondiale come Kalwaria Zebrzydowska e Łagiewniki a Cracovia con il Santuario della Divina Misericordia, altri quasi completamente dimenticati.
Un nuovo impulso per il movimento dei pellegrini nella regione è stato l'elezione al pontificato, dell'arcivescovo di Cracovia Karol Wojtyła che prese il nome di Giovanni Paolo II. Quando il Papa era ancora in vita, nei luoghi a lui collegati veniva una gran quantità di gente. Il voivodato può vantarsi anche di numerosi percorsi segnalati rivolti ai pellegrini e turisti alla ricerca di luoghi in cui è possibile fermarsi in preghiera.

Santuari e luoghi di culto

Multimedia