Facebook link

Chałupa Gąsieniców Sobczaków wystawa Inspiracje (Baita della famiglia Gąsienica Sobczak, mostra Ispirazioni) a Zakopane - Obiekt - VisitMalopolska

Indietro

Chałupa Gąsieniców Sobczaków wystawa Inspiracje Zakopane

Chałupa Gąsieniców Sobczaków wystawa Inspiracje (Baita della famiglia Gąsienica Sobczak, mostra Ispirazioni) a Zakopane

Ładna drewniana chałupa w stylu zakopiańskim otoczona kwitnącym ogrodem.
Droga do Rojów 6, 34-500 Zakopane Regione turistica: Tatry i Podhale
tel. +48 182012294
In questa casetta di legno, che è uno dei monumenti più preziosi dell’architettura popolare di Zakopane, ha sede un distaccamento del Museo dei Tatra con la mostra Ispirazioni, che presenta le fonti popolari dello stile Zakopane di Witkiewicz, che ne fece il primo stile nazionale polacco.

Questa baita di montagna, costruita da Joachim Gąsienica-Sobczak nel 1830, è uno degli edifici in legno più antichi della città. Intorno al 1870 la casa fu ampliata, furono aggiunti una stanza sul retro, una camera, un’izba e un portico frontale a quattro colonne con il timpano decorato con il famoso motivo a raggiera del słonecek. Si tratta di una piccola baita in legno a pianta rettangolare, parzialmente scantinata e coperta da un tetto chiamato dach półszczytowy (a metà tra un tetto a due falde e uno a quattro falde) tipico della zona. I frontoni con le finestrelle che illuminano l’attico sono decorati con motivi “a spina di pesce”, mentre sul displuvio del tetto e del portico sono scolpiti dei pazdury. Fino al 1975 la casa appartenne agli eredi della famiglia, che la vendettero al Museo dei Tatra. Negli anni 1978-1980, durante la ristrutturazione della baita, vennero sostituite le fondamenta, gli elementi strutturali danneggiati, le travi e la copertura del tetto. Nel 2008 è stata destinata a museo, è stato sostituito l’isolamento in muschio, posata una nuova copertura in scandole, installati il riscaldamento geotermico e l’impianto di illuminazione, allestita la reception, arredati i servizi igienici, adattata la struttura per le persone con disabilità, e già nel 2009 il distaccamento del museo è stato aperto con una mostra permanente che illustra le radici dello stile Zakopane, gli arredi di una baita di montagna e le collezioni etnografiche raccolte alla fine del XIX secolo.

La mostra è stata allestita in due izby nella parte anteriore. La izba nera, dove si concentrava la vita della famiglia montanara, è stata allestita con gli oggetti più antichi, proprio come le izby della seconda metà del XIX secolo. La collezione di Maria e Bronisław Dembowski, creata tra il 1886 e il 1893 e donata al museo nel 1922, è esposta nella rappresentativa izba bianca. Qui si trovano dipinti su vetro, ceramiche, portaposate, sculture, costumi e attrezzature da pastore che ispirarono Stanisław Witkiewicz nella creazione dello stile Zakopane.