Facebook link

Parco Nazionale di Ojców - Obiekt - VisitMalopolska

Indietro

Ojcowski Park Narodowy

Parco Nazionale di Ojców

Wapienne skały otoczone zielenią.
Ojców 9, Ojców Regione turistica: Jura Krakowsko- Częstochowska
tel. +48 123892005
tel. +48 123892005
Ojców 9, 32-047
Sebbene si tratti del parco più piccolo della Polonia, nasconde dei veri tesori e una natura straordinaria. È un’oasi per gli scalatori, un paradiso per gli archeologi che esplorano le grotte e un vero toccasana per chi viene qui a rilassarsi. Per di più, qui è possibile assaggiare la squisita trota di Ojców.

In questo luogo regna un clima perfetto per riposto e si può respirare a pieni polmoni un’aria rigenerante. I valori di questa zona furono notati già nel XIX secolo, senza dubbio anche per la vicinanza a Cracovia. La natura favolosa del paesaggio – canyon con pareti scoscese, spuntoni di roccia sporgenti, gruppi di inselberg – sono il risultato dell’attività distruttiva dell’acqua. Le rocce calcaree che formano l’Altopiano si dissolvono facilmente per via delle precipitazioni, mentre il processo di lisciviazione del calcare, della durata di milioni di anni, ha creato forme stupefacenti. La più spettacolare è la Valle del Prądnik, una vera galleria di opere carsiche. Qui incontriamo rocce, a volte di decine di metri, con forme di fantasia, sorgenti di montagna (sorgenti carsiche) e una moltitudine di grotte (il cui numero nel parco è stimato in più di 400). Nelle valli scavate dall’acqua si è venuta a creare una sorta di microclima che, insieme alla grande varietà dei terreni, ha portato alla straordinaria ricchezza floristica del parco. Qui sono state osservate oltre mille specie di piante vascolari, vale a dire quasi la metà di quelle presenti in Polonia. Tra le più interessanti ricordiamo la scarpetta di Venere e il timo precoce, presente in Polonia esclusivamente in questo luogo. Gli abitanti più famosi del parco sono i pipistrelli: su 21 specie che vivono in Polonia, 17 sono state osservate proprio qui. La sagoma di questo mammifero è ben visibile anche nel logo del parco.


Risorse Correlate