Kraków. Culla della cultura

Wawel
La capitale della Małopolska, Cracovia è un luogo unico. Qua troveremo non solo centinaia di magnifici monumenti storici come Wawel e la Piazza del Mercato Vecchio, ma anche tracce del passato multiculturale nel quartiere Kazimierz e l’architettura monumentale del realismo – socialista di Nowa Huta. Cracovia stupisce i visitatori con la sua atmosfera, è una città di studenti piena di vita anche di notte, piena di artisti, filosofi e …buongustai.

Chi per la prima volta entra nella Pizza del Mercato Centrale di Cracovia, si ferma sopraffatto dallo splendore di questa che è la più grande piazza medievale d’Europa. È un punto centrale del vecchio progetto urbano inserito nell’elenco dell'UNESCO. Il più grande edificio della Piazza del Mercato è la chiesa di S. Maria con il famoso altare di Wit Stwosz e le torri altissime, su quella più alta si può salire (V-VIII mar– gio, sab, 09.00 – 11.30 e 13.00–17.30) per vedere da vicino il trombettiere che ogni ora suona il segnale di tromba. Meravigliano anche Sukiennice, il mercato coperto medievale, oggi pieno di stand con ricordini, ed inoltre la piccolissima chiesa di St Adalberto e il monumento del Bard nazionale Adam Mickiewicz. Dietro le Sukiennice, è situata la Torre gotica del Municipio, nella piazza ci sono tanti fiorai ed intorno vi sono stupendi edifici e palazzi urbani con numerose caffetterie e ristoranti.
Sopra la Città Vecchia di Cracovia, si vedono le grandi torri del castello reale e della cattedrale di Wawel. La collina di Wawel è nella lista dei posti assolutamente da visitare a Cracovia. Le principali attrazioni di Wawel sono: la cattedrale gotica con le tombe reali e con la perla rinascimentale – la cappella di Sigismondo, e il castello reale con un perfetto cortile ad arcate di stile rinascimentale.
Oltre alla Piazza del Mercato e di Wawel, a Cracovia da visitare anche il quartiere Kazimierz, di cui fa parte la vecchia città degli Ebrei. Il suo cuore era via Szeroka (Larga). Qui c’è anche la Sinagoga Vecchia con il museo ebraico, oltre al bellissimo, vecchio cimitero ebraico di Remuh. Da visitare anche il quartiere Podgórze, sui terreni del vecchio ghetto, al fianco del quale vi sono le strutture della fabbrica di Oscar Schindler.
Passeggiando lungo le vie della Città Vecchia di Cracovia e di Kazimierz, troveremo numerosi monumenti storici, come l’edificio dell’Università Jagellonica del XIV secolo con il Collegium Maius gotico, le chiese medievali (romanica di S. Andrea, gotiche di San Trinità, S. Caterina e Corpus Domini), i fantastici edifici barocchi (le chiese di SS Pietro e Paolo e di S. Anna) o i resti dei vecchi muri urbani con il Barbacane e il Portone di Floriano. Possiamo ammirare anche gli edifici più recenti, come il Teatro Urbano di J. Słowacki o gli stupendi palazzi della secessione, dei quartieri intorno alle Planty di Cracovia.
Il quartiere Salwator si differenzia per la bella localizzazione. Qui, sulla riva della Vistola si trovano le mura del monastero delle Norbertane, e più su, sul pendio vi sono due chiese antiche. Un vicolo lungo e pittoresco ci porta su fino al Tumulo di Kościuszko, il migliore punto d’osservanza della città. Da vedere anche la collina Sikornik e la vasta Las Wolski (Foresta Wolska). Lì, tra gli alberi si osservano due torri bianche del bellissimo monumento del primo barocco, della chiesa e dell'Eremo di Camaldoli. Un altro monastero di questo bellissimo luogo, è l’Abbazia Benedettina di Tyniec con quasi mille anni di storia. I suoi muri crescono direttamente dalle pareti rocciose subito sopra il corso della Vistola. Dall’altra parte di Cracovia, al fianco della città, il modello della città socialista, nata dopo la II guerra mondiale – Nowa Huta, con l’antico Monastero Cistercense di Mogiła.
Vale la pena visitare anche i musei di Cracovia. Il più famoso reperto è il quadro di Leonardo da Vinci “La Dama con l’ermellino” esposto nel Museo di Czartoryscy. Altre succursali del Museo Nazionale hanno anche preziose collezioni d’arte, tra l’altro, negli interni antichi del palazzo di Erasmo Ciołek, è esposta l’arte polacca medievale, a Sukiennice, dopo la terminazione dei lavori, sarà disponibile la galleria d’Arte Polacca del XIX secolo, e nell’edificio centrale si potranno vedere le opere più recenti degli artisti polacchi. L’aspetto straordinario dell’architettura moderna è rappresentato dall’opera del maestro giapponese d’architettura Arat Izosaki: il Museo dell’Arte e della Tecnica Giapponese Manggha. Si deve visitare il Museo dell’Università Jagellonica sito negli antichi interni del Collegium Maius, ed inoltre una collezione unica dei vecchi aerei presso il Museo dell'Aviazione Polacca e le interessanti raccolte della tecnica, presso il Museo di Ingegneria Urbana.


Si consiglia di visitare i dintorni!
La Miniera di sale a Wieliczka è vicina a Cracovia, il monumento storico è inserito nella lista dell’UNESCO. Il Museo delle saline di Cracovia, dedicato alla storia e alle vecchie tecniche di estrazione del sale a Wieliczka.
Niepołomice con un bellissimo castello rinascimentale, del quale il cortile ad arcate assomiglia al cortile di Wawel, all’interno si trova un museo interessante.
Parco Nazionale di Ojcòw, le sue scogliere bianche contrastano con il verde dei boschi e sono un luogo ideale per l’escursionismo. Ojcòw stesso ha l’architettura di legno, castelli interessanti ojcowski e il castello a Pieskowa Skała – un grande castello rinascimentale.
Valli cracoviane, è un gruppo di gole con pittoresche rocce calcaree, il grande portone naturale della Gola Bolechowicka, la più grande parte rocciosa dell’altopiano – Sokolica nella Valle Będkowska e le famose rocce per le scalate della Valle Kobylańska.

 

Multimedia